Investire sull’Oro

Investire sull'oro conviene? E gli investitori devono scegliere l'oro fisico o l'oro finanziario, con CFD, ETF e certificates sull'oro? Ecco una serie di tematiche analizzate in questo articolo

0
133
prezzo oro 2020

Investire sull’oro è da sempre al centro dell’attenzione di piccoli e grandi risparmiatori. Gli investimenti in oro fisico racchiudono un notevole fascino intrinseco, anche se negli ultimi anni è cresciuto il peso degli investimenti nell’oro finanziario, ossia l’oro cartolarizzato.

Entrambe le modalità di investimento in oro possono ulteriormente essere suddivise in differenti categorie, di cui analizzeremo vantaggi e svantaggi.

Fra le forme di investimento fisico in oro figurano l’acquisto di gioielli aurei, di lingotti d’oro, nonché monete (come la sterlina d’oro, o il marengo). Fra le modalità di investimento in oro cartolarizzato troviamo gli ETF/ETC sull’oro, i futures sull’oro, le opzioni, i conti denominati in oro, i certificati di investimento in oro, i CFD in oro, lo spread betting sull’oro (non consentito in Italia, ma presente per esempio nel Regno Unito)

Investimenti fisici sull’oro

Acquistare gioielli in oro, nonché monete o lingotti d’oro è una modalità per investire sul metallo prezioso. Conviene investire sull’oro fisico? Senz’altro hanno un grande fascino, anche se occorre menzionare alcuni svantaggi legati agli investimenti fisici in oro (rispetto a quelli cartolarizzati), generalmente maggiormente costosi dal punto di vista delle commissioni e dei costi di custodia o detenzione dell’oro.

Per quanto riguarda gli investimenti in oro fisico, se si acquistassero monete, lingotti o gioielli, potrebbe essere necessario l’affitto di una cassetta di sicurezza in banca o di un’assicurazione, se custoditi a casa, per mitigare il rischio di eventuali furti. Inoltre, soprattutto su monete o gioielli di piccola taglia, il costo di lavorazione incide in maniera tanto più significativa quanto il gioiello o la moneta aurea sono di piccola taglia. Viene tuttavia evitato il rischio di default dell’emittente, generalmente presente nell’oro cartolarizzato.

Investire sull’oro con gli ETF/ETC

Gli Exchange Traded Founds sono strumenti finanziari che replicano l’andamento di un sottostante. Nel caso in cui si tratti di una materia prima parliamo di ETC, ossia di Exchange Traded Commodities, categoria in cui rientrano anche gli ETF legati all’oro. L’ETC aureo replica l’andamento del prezzo spot dell’oro, salendo quindi del 2% se il prezzo dell’oro sale del 2%, scendendo se la quotazione del gold si muove al ribasso.

La replica negli ETC su oro (e anche su altri metalli preziosi) può essere effettuata dall’emittente attraverso due differenti modi: fisica o mediante contratti future. Nel primo caso, quello di una replica fisica da parte dell’ETF sull’oro, l’ammontare investito deve essere allocato dall’emittente in pari ammontare di lingotti di oro che sono custoditi in caveau blindati. Il caso di replica attraverso future consente invece all’emittente di coprirsi con altri strumenti derivati, facendo sì che sia possibile aprire sia posizioni long che short per l’investitore.

I futures sull’oro

Si può investire sul metallo prezioso anche in un modo utilizzato dai grandi investitori: è quella dei futures sull’oro. I futures sono dei contratti derivati con cui due controparti si impegnano a scambiarsi una determinata quantità del sottostante (in questo caso solitamente 100 once d’oro) ad un prezzo e una scadenza prefissati. Per l’apertura del contratto viene richiesto un margine che funge da deposito iniziale, pari a una frazione del controvalore dell’investimento effettuato nel future sull’oro, che deve essere adeguato in base all’andamento delle quotazioni del sottostante, in modo che la percentuale del margine rimanga costante sul controvalore del future sull’oro).

CFD sull’oro

Una modalità per investire sull’oro molto pratica per i piccoli investitori ed anche per chi opera nel trading di breve termine sono senz’altro i CFD sull’oro. Tramite i contratti per differenza l’investitore può speculare sui movimenti del prezzo dell’oro, utilizzando la leva finanziaria, che permette di amplificare i propri risultati (sia profitti che perdite). L’acquirente del CFD non diventa proprietario del sottostante in questione, quindi delle once d’oro legate al CFD, ma ha una posizione sintetica che replica fedelmente l’andamento del sottostante, con una performance simile a quella che avrebbe ottenuto detenendo il medesimo numero di once d’oro.

Basse commissioni

Un altro vantaggio dei CFD è legato ai bassi costi commissionali, va poi menzionata la possibilità di frazionare la propria posizione (fino al minilotto – ossia 10 once d’oro come transazione minima con alcuni broker – fino al microlotto, ossia una sola oncia d’oro con altri), con la possibilità di migliorare il proprio money management nella gestione del portafoglio degli investimenti. I CFD sono prodotti OTC, ossia non regolamentati, risulta importante la scelta di un broker affidabile per il proprio trading sull’oro tramite i CFD, prestando ampia attenzione alla regolamentazione del broker scelto. Una scheda su questo tema viene presentata nel libro “I segreti per Investire con l’Oro

Opzioni sull’oro

Le opzioni sono uno strumento derivato che permettono all’investitore di assumere una posizione long sull’oro (opzione call) o una posizione corta, ossia di puntare al ribasso sul metallo prezioso (opzione put). Con l’opzione l’investitore acquista il diritto (ma non l’obbligo) di acquistare una predeterminata quantità di oro ad un prestabilito prezzo, nel caso di un’opzione call sull’oro. Viceversa, nel caso di un’opzione put sul gold, l’investitore potrà vendere un certo numero di once d’oro ad un predeterminato prezzo in una data prefissata, oppure entro una data, in base alla tipologia di opzione acquistata.

Certificati sull’oro

È possibile investire sull’oro tramite i certificati di investimento. Sono numerosi i certificati, lanciati negli anni da differenti emittenti, che permettono all’investitore di assumere posizioni rialziste o ribassiste sul metallo giallo. I certificati di investimento sull’oro possono essere di vario genere: alcuni offrono il pagamento di una cedola condizionale se il prezzo del metallo giallo si trova al di sopra di una determinata barriera, cui si somma il rimborso del capitale alla fine del contratto.

Bonus

Altri certificati di investimenti sull’oro possono offrire una cedola bonus al verificarsi di determinate condizioni di prezzo (sia rialziste che ribassiste), con la consueta flessibilità che offre all’investitore un prodotto come il certificato. Va sottolineato che alcuni certificati di investimento possono includere nel basket di prodotti osservati anche altri metalli preziosi, avendo quindi molteplici sottostanti (esistono per esempio certificati di investimento legati a oro, argento e palladio).

trading oro

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui