Cosa è il Bitcoin?

investire su bitcoin e criptovalute

Cosa è il bitcoin? Qual è la storia del bitcoin e come funziona la blockchain? Come e dove si comprano? Si può fare trading?

Il Bitcoin: cosa è?

Il Bitcoin è una criptovaluta ideata nel 2008 da una persona (o da un gruppo di persone) nascosta dietro lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto. L’idea originaria dietro il Bitcoin era quella di consentire di effettuare pagamenti “p2p” (peer-to-peer) senza dover transitare da intermediari finanziari. Il Bitcoin può essere pertanto definita come una moneta virtuale alternativa al sistema finanziario, visto che è estranea alle regole e ai controlli di governi e banche centrali. Il funzionamento è regolato da un meccanismo che registra e conferma ogni singola operazione: la Blockchain.

La blockchain

La Blockchain è una rete in cui ciascuno può decidere di diventare un nodo che partecipa all’approvazione di ogni transazione dal portafoglio virtuale, il Wallet. Ogni operazione, quando viene approvata, viene aggiunta a tutte quelle che sono state effettuate in precedenza, in un sistema che traccia e tiene memoria di ogni singolo passaggio di valuta e che garantisce che lo stesso Bitcoin non sia speso due volte. Il motivo per il quale le persone mettono a disposizione la potenza di calcolo dei loro dispositivi è che al termine vengono ripagati in Bitcoin, in un’operazione chiamata  mining (“estrazione”).

Bitcoin e criptovalute

Il Bitcoin è la criptovaluta più conosciuta e più rappresentativa. Tra le più importanti ci sono Ethereum, Ripple e LiteCoin.
Le altre criptovalute virtuali sono nate come biforcazioni (il termine tecnico è fork) della principale Bitcoin, per motivazioni legate al funzionamento della Blockchain alla base.
Le criptovalute possono essere raggruppate in base alle loro finalità ossia:
– per consentire transazioni finanziarie internazionali: Bitcoin, Litecoin, Tether, Ripple, Stellar Lumens
– come supporto a software per la creazione di contratti intelligenti: Ethereum, Strrj, Siacoin, MaidSafe
– per effettuare transazioni private: Monero, Dash, ZCash
– per favorire le transazioni specializzate in determinati beni: GameCredits, ReddCoin.

Come si comprano bitcoin e criptovalute?

E’ possibile investire con i Bitcoin, così come su altri strumenti finanziari. Anche in questo caso i rischi non mancano, trattandosi di strumenti molto volatili.

Bitcoin e le varie criptovalute possono anche essere acquistati sul mercato come una qualsiasi altra valuta: per farlo si possono usare i cosiddetti exchange che si occupano di scambiare soldi correnti con criptovalute. Il primo passo, quindi, è quello di scegliere un «servizio di cambio valuta» sicuro.

In un secondo momento viene creato un portafoglio virtuale dove vengono depositate i Bitcoin e le criptovalute acquistate. A quel punto si possono scambiare i propri soldi con la criptovaluta che si intende acquistare utilizzando una carta di credito o tramite un bonifico bancario.

Gli exchange

Gli Exchange più famosi a livello internazionale sono Bitfinex, Poloniex, Coinbase.
Le criptovalute acquistate vengono inserite all’interno del proprio portafoglio (chiamato il wallet). Quest’ultimo può essere un:
– Wallet online, in cui il deposito è totalmente online. E’ la variante più facile da utilizzare, ma anche quella potenzialmente più rischiosa visto che l’account potrebbe essere violato da hacker;
– Wallet mobile. È più sicura rispetto al Wallet online e si basa sull’utilizzo di applicazioni (app) scaricate sul cellulare;
– desktop Wallet. È simile al Wallet mobile, con l’unica differenza che ha sede nel proprio computer e non nel cellulare.

Investire sul Bitcoin

Analogamente a un’altra valuta di cui si è in possesso, il Bitcoin viene utilizzato per speculare sulla differenza tra prezzo di acquisto ed il prezzo di vendita (incassando quindi una plusvalenza).
Gli strumenti che possono essere utilizzati per questa finalità sono:
– l’acquisto/vendita tramite gli exchange (che non sempre tuttavia garantiscono l’adeguata affidabilità e sicurezza);
– l’utilizzo di Cfd (Contract for difference), strumenti finanziari che replicano l’andamento delle principali criptovalute. In questo modo non si diventa proprietari della criptovaluta ma si punta a sfruttare una rivalutazione (di breve/medio termine) del suo prezzo. Il prezzo delle criptovalute viene solitamente espresso in dollari Usa anche se sono disponibili prodotti che quotano le varie criptovalute in Euro.
– tramite i future (legati al Bitcoin) quotati sul mercato Cme. Si tratta di contratti derivati che, tramite l’effetto leva, consentono di amplificare l’andamento dell’attività sottostante (che in questo caso è appunto il Bitcoin, la principale criptovaluta).

investire bitcoin
Cosa è il Bitcoin e come si investe sul Bitcoin?

Trading su bitcoin e criptovalute

Sono in molti ad aver investito sul bitcoin negli ultimi anni, spesso anche con risultati disastrosi vista la bolla del bitcoin e delle criptovalute del 2017.

È opportuno evidenziare che l’operatività con finalità speculative (trading) sulle varie criptovalute può essere effettuata con le stesse tecniche operative che si utilizzando per operare sugli altri mercati finanziari (azionari, valutari, obbligazionari).

Sotto questo punto di vista, quindi, si possono impiegare sia analisi di tipo grafico (che mirano a individuare zone di supporto e/o di resistenza) sia analisi di tipo quantitativo (che, utilizzando algoritmi matematici, consentono di ottenere segnali di entrata/uscita dal mercato) per investire, comprando e vendendo bitcoin o altre criptovalute.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui